Login:
 Pass:

    Entra

   Registrati

Password dimenticata?

    

Farcos Pharma srl
Domicilio Fisc.:
Lazzate
Sede :Cesate
P.IVA:
11530070157
C.F.:

Telefono:
02 - 96329196
Fax:
02 - 96329661
Domicilio Fisc.:

Sede :
P.IVA:

C.F.:

Il nostro stato attuale su Skype:

Stato Attuale dell'amministratore dello shop 

Aggingi lo shop tra i tuoi contatti

Mostra Profilo Skype dello shop


   



Il confezionamento è nel codice del prodotto dopo il trattino. ORA TORNA A: Sostanze Naturali, ESTRATTI, ACACIA EF

thumb thumb

> ACACIA EF (EF0001a)

Descrizione della pianta L’acacia (Robinia pseudoacacia) è una pianta della famiglia delle Fabacee, dette anche Leguminose, originaria dell'America del Nord e naturalizzata in Europa e in altri continenti. L’acacia è una pianta con portamento arboreo (alta fino a 25 metri). La corteccia è di colore marrone chiaro e molto rugosa. Le foglie sono imparipennate, aperte di giorno mentre la notte tendono a sovrapporsi. I fiori sono bianchi o crema, riuniti in grappoli pendenti di profumo molto gradevole. Si ha la presenza di numerose spine, lunghe e solide, sui rami più giovani. Proprietà e benefici dell’Acacia L’acacia ha le seguenti proprietà: astringente, antisettica e antinfiammatoria. Tali proprietà sono conferite dalla presenza di principi attivi quali tannini catechici, flavonoidi e derivati flavanici e mucillagini. L’acacia viene prescritta nel trattamento delle dispepsie accompagnate da diarrea, nelle enteriti e come espettorante balsamico nelle forme catarrali a carico dell'apparato respiratorio. Per uso esterno, l’acacia viene usata, invece, per curare gengiviti, stomatiti, faringiti. La presenza di catecolo e di quercetina conferiscono proprietà vitaminoP-simili che possono giustificarne l'impiego topico volto a lenire le mucose infiammate. Modalità d’uso L’impiego dell’acacia è tipicamente farmaceutico, in quanto viene utilizzata per la produzione di emulsioni e di compresse. Tuttavia, si può adoperare anche come rimedio fitoterapico per la sua azione astringente, antisettica e antinfiammatoria. L'acacia, essendo una pianta altamente nettarifera, ha anche una grande importanza nell'apicoltura. Il miele d’acacia è infatti tra i più conosciuti ed apprezzati. Alla base del gradimento che riscuote tra i consumatori sono il suo colore chiaro, il fatto che rimane liquido indipendentemente dalla temperatura, il suo odore leggero, il suo sapore delicato e la sua bassissima acidità; nessun altro miele monoflora possiede contemporaneamente tutte queste qualità. Inoltre esso ha un alto contenuto in fruttosio (è per questo che non cristallizza). Ha però un basso contenuto di sali minerali e di enzimi. Il miele di acacia contiene grandi quantità di crisina, potente flavonoide. Tra i vari usi che si possono fare dell’acacia si ha la tosse con catarro, digestione difficile, diarrea. Per uso esterno, si usa in caso di gengiviti, stomatiti, alitosi, mal di gola. Controindicazione dell’Acacia L’acacia non presenta effetti secondari e tossici alle dosi terapeutiche, a meno che non vi sia una particolare sensibilità individuale. Eventuali effetti collaterali (irritazione gastrica e interazioni farmacologiche) sono dovuti alla presenza dei tannini. Habitat dell’Acacia L'area di distribuzione dell’acacia si estende dal sud dell'Himalaya (Pakistan, India) alla Birmania e alla Tailandia. Fra le numerose qualità, la più pregiata risulta il Catecù di Bombay. L’acacia preferisce un terreno asciutto e ben drenato non calcareo, posizione in pieno sole riparata dai venti freddi; nelle località a clima freddo si possono coltivare in vaso per poterle riparare in locali idonei nei mesi invernali. Cenni storici Il nome dell’acacia deriva dal greco akakia, candore e innocenza, probabilmente in riferimento ai suoi fiori. Poiché resiste al disseccamento, è simbolo di immortalità. In Medio Oriente è segno di buon auspicio.

Disponibilità:  Infinita!   Infinita


  36,60Con Iva!

32%
Vota articolo:

(152)

(151)

(170)

Numero di prodotti da inserire nel carrello: